La Storia

Negli anni’ 70 Giovanni Nardantonio,dopo aver frequentato l’Istituto Alberghiero nel seminario di Rieti,attratto dalla città di Verona,decise di sostare durante uno dei suoi soggiorni per lavoro a Cerea.
Incontrò Antonella ,lei aveva 17 anni e Giovanni 19!
Tra le difficoltà per seguire i propri sogni,la loro complicità in continuo sviluppo nell’artigianalità,nella cucina,nel buon vino;la loro passione li ha uniti superando negli anni le continue prove della vita!
Nel 1480 la struttura presiedeva all’interno del convento dei Frati del Sacro Ordine del Carmelo.
Nel 1770 il monastero cessò la sua esistenza e in parte anche l’edificio distrutto dalla prima guerra mondiale.
Proprio nei sotterranei della Locanda che portano alla Chiesa di San Vito Martire si rifugiava il popolo con risorse alimentari per sfuggire agli attacchi di“Pippo”,soprannome dell’aereo che gli abitanti ricordano volare al tramonto bombardando la ferrovia.
Locanda Divinis negli anni’30 era l’ Osteria denominata “Vino all’Amicizia”ed è proprio Giovanni con la moglie Antonella che danno inizio al restauro.

“…ricordo dell’ambiente,profumo di storia,il paesello,il tramonto,gente piccina e quieta,la loro vita faticosa,l’Oste spicca e si mescola nel tramestio confuso.Il vino prediletto gli rimetteva lo stomaco come se fosse una medicina,la si va a spillare in una botticina…” 

                                                                                                                                       Cit.”Taverne ed Osti dei Promessi Sposi”                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Locanda Divinis è così composta:
Tre camere al piano terra,quattro camere al primo piano con accesso al terrazzo che affaccia da un lato sulla Chiesa di San Vito Martire,un lato sulla campagna Veronese e un lato sulla ferrovia inaugurata agli inizi dell’Ottocento.
Al piano terra la cucina di mamma Antonella con la sala da pranzo interna per un accoglienza massima di 28 persone equivalente a sette tavoli e plateatico  adibito a relax,per eventi culinari e degustazione vino.

“Siamo fatti della materia di cui sono fatti i sogni;e nello spazio e nel tempo d’un sogno è racchiusa la nostra vita!”   

                                                                                                                  Cit.:William Shakespeare.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               .

WhatsApp chat